Francesco Tomasi

Francesco Tomasi manifesta precocemente le sue inclinazioni musicali avvicinandosi allo studio della chitarra classica. Appassionatosi del repertorio antico, all’età di 13 anni decide di dedicarsi al liuto studiando con Marco Pesci e Andrea Damiani terminando brillantemente i suoi studi al Conservatorio di musica “S. Cecilia” in Roma nel 2009 ottenendo il massimo dei voti.

 

Nel 2012 termina il Master di liuto specializzandosi in chitarra barocca e tiorba con Rolf Lislevand nella Musik Hochschule di Trossingen.

 

Inoltre ha frequentato numerose masterclass internazionali tenute da Paul O’Dette, Jakob Lindberg e Nigel North.

 

        Ha al suo attivo un’intensa carriera concertistica, grazie alle varie collaborazioni con ensembles di musica antica tra i quali “Concerto Romano”diretto dal M° Alessandro Quarta, “Concerto de' Cavalieri” diretto da Marcello di Lisa, “Arte musica” diretto da Francesco Cera, “L'Estravagante” diretto da Stefano Montanari, “Swiss Baroque Soloists”, “Pera ensemble”, “Cappella Gabetta”, “La Malaspina”, “La Selva”, “Cappella Tiberina”, “Anfione ensemble” diretto da Andrea Damiani, con le quali si è esibito nell’ambito dei più prestigiosi festival e rassegne concertistiche in Italia e all’estero, tra cui, Tager Alte Musik in Herne (Germania), Monteverdi Festival, Wiener Konzerthaus (Austria), Internationale Barocktage Stift Melk (Austria), Malgartner Kloster Konzerte (Germania), Festival internazionale W.A. Mozart a Rovereto, Rheingau Musik Festival (Germania), “Festival Flatus” Siòn (Svizzera), Festival Internazionale di Musica Antica di Urbino, Antiqua Festival (Spagna), Roma Festival Barocco, riscuotendo grande successo e consensi dalla critica.

 

Nel 2009 partecipa alla manifestazione “Ponti Sonori” organizzata dall'Accademia Nazionale Santa Cecilia.

 

Nel 2010 vince l'audizione ed entra a far parte dell'orchestra barocca dell'unione europea (EUBO), con la quale ha svolto concerti nei vari paesi europei tra cui Lussemburgo, Francia, Portogallo, Germania, Polonia, Belgio.

 

Nel 2010 vince con il suo ensemble “la Malaspina” il premio della giuria al concorso di musica antica “Biagio Marini” in Neuburg an der Donau (Germania).

 

Già giovanissimo ha avuto l'onore, di poter suonare in molte delle sale da concerto più famose d'Europa tra cui, Konzerthaus a Vienna, Musikverein Vienna, Casa da Musica Porto, Herkuleszaal di Monaco (Germania), Auditorium Santa Cecilia di Roma, Teatro dell'opera di Kharkov Ucraina, Philarmonie di Kiev.

 

Nel 2009 collabora con l'ensemble “La Selva” alla registrazione di un cd intitolato “Alla luna” con musiche di Biagio Marini. Con il gruppo “Cappella Tiberina” registra per la casa discografica “Brilliant Classics” i XII Concerti per flauto dolce di Mancini, con il gruppo “Concerto Romano” i cd “Luther in Rom” e “Sacred Music for the poor” per la casa discografica Christophorus.  Effettua inoltre registrazioni radiofoniche per la Radio Vaticana, WDR radio tedesca, ORF radio austriaca ed effettuato registrazioni televisive per la rete RAI International. 

 

Dal 2015 è docente di chitarra classica e liuto alla scuola di musica Refu Jam Project del maestro Marco Morrone.

 

 Il suo costante impegno nello studio della prassi esecutiva antica, lo vede attualmente attivo come continuista, nell’accompagnamento di cantanti e strumentisti di fama, ed emergenti, nonché come esecutore solista, al liuto, tiorba e chitarra spagnola.

 

 

 

Chitarra Classica

Piano didattico chitarra

Bambini:

 

Studio del repertorio chitarristico classico. Utilizzo della tecnica con tocco appoggiato e volante.

Esecuzione di brani classici del XVI, XVII, XVIII, XIX secolo con graduale difficoltà.

Collaborazione con gli altri allievi del corso per l’esecuzione di brani per due, tre e quattro chitarre.

Possibilità di preparazione dell’allievo ad eventuali esami o test d’ingresso per conservatori o

accademie musicali secondo i programmi ministeriali.

Metodi da accompagnare al percorso didattico:

 

Paradiso V. N., La chitarra volante vol. 1

Fabbri R., Suoniamo la chitarra 1

 

Ragazzi e adulti:

 

Studio del repertorio chitarristico classico. Utilizzo della tecnica con tocco appoggiato e volante per l’acquisizione dell’indipendenza tra indice e medio, arpeggi e note simultanee con inserimento del pollice nella tecnica della mano destra.

Esecuzione di brani classici del XVI, XVII, XVIII, XIX secolo con graduale difficoltà.

Teoria classica con studio approfondito dell’armonia, solfeggio e storia degli strumenti a pizzico dal medioevo a oggi (liuto, tiorba, chitarra barocca ecc.).

Possibilità di preparazione dell’allievo ad eventuali esami o test d’ingresso per conservatori o

accademie musicali secondo i programmi ministeriali.

Metodi da accompagnare al percorso didattico:

 

Tallini A., Lepri F., Fondamenti di chitarra, prima parte.

Tallini A., Lepri F., Fondamenti di chitarra, seconda parte.

Sagreras J. S., Le prime lezioni di chitarra.

Giuliani M., Studio per la chitarra op. 1.

 

Piano didattico liuto, tiorba e chitarra barocca

Studio della tecnica liutistica. Utilizzo della tecnica pollice indice. Scale, arpeggi, terze, seste e decime.

Esecuzioni di brani del XVI, XVII e XVIII secolo su liuto, tiorba e chitarra barocca.

Studio del contrappunto e del basso continuo con prove pratiche di accompagnamento per i cantanti.

Teoria classica con studio approfondito dell’armonia, solfeggio e storia degli strumenti a pizzico dal medioevo a oggi.

Possibilità di preparazione dell’allievo ad eventuali esami o test d’ingresso per conservatori o

accademie musicali secondo i programmi ministeriali.

Metodi da accompagnare al percorso didattico:

 

Damiani A., Metodo per liuto rinascimentale.

North N., Continuo playing on the Lute, Archlute and Theorbo.

Dionisi R., La tecnica del contrappunto vocale nel ‘500




Corso di Chitarra classica con Francesco Tomasi.
Iscrizioni aperte da lunedì 10 settembre ore 17-19 presso l'ARCA85 in Via Imperia 15/a. Per info scriveteci su facebook o via mail: associazionearca85@libero.it

Torna in Home